Un coro di Voci bianche per i migranti di Lampedusa

29/05/2017

 

 Pensa se questo succedesse a te!

 

 

 Viviamo una meravigliosa esperienza a Lampedusa.  IL Conservatorio di Palermo "Vincenzo Bellini" porta sull'isola di Lampedusa il "coro di Voci Bianche", per dare Voce alle sorelle e ai fratelli ultimi che fuggono dalle guerre, dalle dittature e dalla povertà.

Qualcosa di grande e profondo in questa iniziativa che è stata proposta  nell'isola di Lampedusa nel giorno in cui i grandi della terra si incontravano a Taormina e, purtroppo, dopo la notte terribile di Manchester.

Un momento di particolare emozione, ascoltato e vissuto  come...un Eco... Si, proprio come un Eco delle parole pronunciate  nell'isola circa 4 anni fa da Papa Francesco in occasione della sua prima visita pastorale in Italia.
La bellezza e profondità dell'omelia del Santo Padre risuona fervida in queste parole che abbiamo sentito cantare:

"Oggi nessuno nel mondo si sente responsabile di questo; abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna;

Signore chiediamo perdono per l’indifferenza, ti chiediamo, Padre, perdono per chi si è accomodato, si è chiuso nel proprio benessere che porta all’anestesia del cuore, ti chiediamo perdono per coloro che con le loro decisioni a livello mondiale hanno creato situazioni che conducono a questi drammi. Perdono Signore!

Voglio ringraziare una volta in più voi, lampedusani, per l'esempio di amore che avete dato e che ancora ci date. Il Vescovo ha detto che Lampedusa è un faro. Che questo esempio sia faro in tutto il mondo.
Grazie per la vostra testimonianza". (8 luglio 2013 Papa Francesco a Lampedusa")

Speriamo che in questa Europa così frastornata e nel mondo intero così disattento ai bisogni primari dell'uomo, si possano ascoltare e meditare, soprattutto con il cuore, le parole che questo canto ci ha voluto donare.

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square
  • YouTube Social  Icon