Guarda il Video della Presentazione

Presentato, all’interno della Chiesa della Cittadella del Povero e della Speranza, il libro “Qualcosa di prezioso che accade. La Missione di Speranza e Carità raccontata da Biagio Conte a Francesco Inguanti” (People & Humanities 2017).

E' un vivo e intenso dialogo tra Biagio Conte e Francesco Inguanti, il quale per oltre due anni si è dedicato al paziente ascolto di quella luce che in Via Decollati, come in altri luoghi, ha trovato la possibilità di elevarsi e mostrarsi.

– approfondisci - Blog Sicilia - Alessandra Turrisi

L’iniziativa è stata organizzata dal Rosalia Pipia, presidente del Centro Culturale “Il Sentiero” in collaborazione con la casa editrice e con la Missione.

Il testo raccoglie quattro interviste rilasciate da Biagio Conte a Francesco Inguanti nel corso degli ultimi due anni su aspetti particolarmente significativi della sua vita e della Missione di Speranza e Carità.

"Una testimonianza di una grande storia d’amore, per quelli che sono stati accolti e assistiti in questi anni, per la città di Palermo, per Gesù Cristo nella Chiesa"

– approfondisci - Sicily Present - D'Andrea

La Missione di Speranza e Carità raccontata da Biagio Conte a Francesco Inguanti.

 

Presentazioni di S.E. il cardinale Paolo Romeo e di S.E. l’arcivescovo Corrado Lorefice,

 

People & Humanities, Palermo 2017,

pp. 116, € 15

Per informazioni:        commerciale@peopleandhumanities.it

Fratel Biagio accetta di raccontarsi e di ricostruire il percorso che lo ha portato a mettere in piedi una realtà di accoglienza che oggi ospita circa mille persone. «Attenzione! La Missione non è frutto solo delle mie capacità, ma c’è qualcosa di prezioso che accade dall’alto; non si vede a occhio nudo,

ma si sente, si percepisce, si vive. Questa è la forza del buon Dio che muove la tua e la nostra volontà, la tenacia, la pazienza, la speranza».

– approfondisci - Giornale di Sicilia -  Alessandra Turrisi

Nel libro si descrive anche l'incontro di Biagio Conte con padre Puglisi negli uffici del Comune, entrambi là per chiedere qualcosa, uno la scuola media per Brancaccio, l'altro i locali dell'ex disinfettatoio comunale che diventerà la prima sede della Missione. Non si conoscevano ancora, vengono presentati e si abbracciano, incontro e abbraccio emblematici per la nostra città.

Approfondisci – Sicily Present – Diana Cammareri